La frizione: cos’è, come funziona e quanto costa?

Per non trovarti in spiacevoli e costosi inconvenienti è opportuno capire quando la frizione lavora male e provvedere alla sostituzione tempestiva della stessa, in quanto una frizione rotta comporta un auto inutilizzabile. In questo articolo scopri come capirlo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Menù di navigazione

Cos’è la frizione?

La frizione non è un singolo componente dell’auto ma è un gruppo di componenti che collegano il motore e il cambio. La frizione è presente in tutte le vetture dotate di cambio a prescindere che esso sia manuale o automatico. Quindi, che tu abbia una citycar, un’utilitaria, una berlina o un SUV devi essere consapevole che il meccanismo della frizione necessita della tua attenzione.

Per non trovarti in spiacevoli e costosi inconvenienti è opportuno capire quando la frizione lavora male e provvedere alla sostituzione tempestiva della stessa, in quanto una frizione rotta comporta un auto inutilizzabile.

Funzionamento della frizione auto e da cosa è composta

Componenti della frizione auto: quali sono?

I componenti di cui è composta la frizione sono il cuscinetto reggispinta, lo spingidisco e il disco.

  • Il cuscinetto reggispinta è il più piccolo dei componenti, ha un lato fisso che va agganciato alla forcella e un lato mobile, di cui ne vedremo dopo la funzione, che può essere ad azionamento meccanico o ad azionamento idraulico.
  • Lo spingidisco o anche chiamato meccanismo frizione è di forma rotonda e ha due lati: un lato  ha delle lamelle e l’altro presenta una superfice liscia simile a quella dei dischi dei freni.
  • Il disco della frizione è un disco a tutti gli effetti ed è suddiviso in tre parti. La fascia esterna rivestita con materiale di attrito simile a quello delle pastiglie dei freni su entrambi i lati; la parte centrale  che può essere fissa o contenere delle molle chiamate parastrappi, e  il centro contiene un foro dove si innesta l’albero primario.

Come funziona la frizione?

Per capire il funzionamento della frizione prima devi capire come è montata. Partendo dal volano, il primo componente è il disco poi lo spingidisco e infine il cuscinetto.

Il disco è posto tra il volano motore e lo spingidisco, che a sua volta è abbullonato al volano, e il cuscinetto reggispinta che è agganciato alla forcella. Dal momento dell’accensione dell’auto fino allo spegnimento il volano motore gira insieme allo spingidisco e al disco.

Quando premi sul pedale per effettuare il cambio di marcia, il cuscinetto viene schiacciato dalla forcella contro le alette dello spingidisco, ed è un’azione che permette di liberare il disco frizione e cambiare marcia. Con il sollevamento del piede dal pedale, la forcella ritrae il cuscinetto e così il disco viene di nuovo bloccato tra volano e spingidisco, in questo modo il moto del motore è trasferito al nuovo ingranaggio del cambio.

Frizione quando cambiarla e perché

La frizione non si sostituisce ad un chilometraggio preciso, come lo si fa ad esempio per la sostituzione della cinghia distribuzione o per il tagliando, ma solo quando si usura, quando si rompe o quando si brucia. Il verificarsi o meno di una di queste condizioni dipende dal tipo di guida che hai e dalle strade che percorri.

disco frizione usurata e bruciata
Esempio di disco frizione consumato

Frizione bruciata

La frizione si considera bruciata quando il disco slitta fino a bruciare e questo può accadere quando non lasci completamente il pedale della frizione o durante un eccessivo sforzo dell’auto. Problema che si può verificare in salita, durante un traino o alle prime esperienze di guida.

Il primo segnale di una frizione bruciata lo avverti dall’odore acre, se dopo questo primo avviso la frizione stacca regolarmente vuol dire che non è ancora arrivato il momento di sostituirla ma di sicuro è il momento di utilizzarla con maggiore attenzione.

Frizione consumata

La frizione consumata è un fatto fisiologico e te ne rendi conto quando nel premere il pedale ti trovi a di fronte ad un pedale della frizione duro oppure quando la frizione slitta in fase di partenza o durante il cammino.

Quest’ultimo sintomo è da tenere particolarmente in considerazione per valutare l’usura in quelle auto che hanno frizioni auto-registranti SAC, le quali fanno in modo che la durezza e la corsa del pedale rimangono invariate per tutta la loro vita. 

Frizione rotta

Quando il disco non è ancora usurato, la frizione può comunque riscontrare dei problemi come l’impossibilità di ingranare le marce, l’aumento improvviso del regime motore, la rumorosità della frizione oppure l’autovettura procede a saltelli. Quando si verifica uno di questi casi vuol dire che un componente della frizione ha ceduto compromettendo l’utilizzo della frizione.

In tutti i casi sopra elencati è necessario provvedere alla sostituzione. 

Quanto costa sostituire la frizione?

Per cambiare la frizione alla tua auto devi tener conto di due separate spese, ovvero la spesa della manodopera e la spesa dei componenti. Il costo della manodopera è proporzionale al tempo necessario per sostituirla e varia sia in base alla tua auto che alla bravura del meccanico. 

Il prezzo dei componenti è anch’esso proporzionale al tipo di vettura, per un’utilitaria il range di prezzo è tra 70€ fino a 150€, per le auto più grandi dotate di volano bimassa il costo sale notevolmente e puoi trovare prezzi che vanno da 350€ fino anche a superare i 1.000€.

Se vuoi farti un’idea precisa contattaci gratuitamente compilando il form in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ottieni le migliori offerte del Web
Vuoi conoscere le 20 migliori offerte del web e rimanere aggiornato sulle notizie del settore?
Hai bisogno di consigli sulla scelta dei tuoi ricambi? Contattaci

Rimani sempre
aggiornato!

Iscriviti alla newsletter riceverai le migliori offerte per i tuoi acquisti sul web e i nostri nuovi contenuti